Sostituire le batterie alla luce di emergenza VIMAR 16450

Molto probabilmente anche voi avete a casa il frutto VIMAR 16450 attaccato a qualche presa (solitamente nei pressi dell’ingresso): il suo scopo è sostanzialmente quello di illuminare nel caso in cui manchi improvvisamente la corrente elettrica (utilizzando le proprie batterie interne).
Una funzionalità aggiunta molto carina è che staccandolo dalla presa può diventare una comoda torcia da portare in giro per illuminare le stanza buie.

Se non avete ancora capito a cosa mi riferisco ecco una foto del frutto (esiste anche nella versione bianca):

Dopo anni di funzionamento il primo componente a saltare sono le batterie quindi, se questo frutto non vi funziona, al 90% è quest’ultimo componente a necessitare di essere sostituito.

Esistono varie “revisioni” della VIMAR 16450, la versione più vecchia non ha le batterie rimovibili al contrario delle versioni più recenti; se avete una versione vecchia, non vi preoccupate, con un stagnatore ed un cacciavite a taglio si può facilmente porre rimedio al problema (non serve essere elettricisti, ve lo assicuro); considerate inoltre che questo frutto, nel caso in cui vogliate ricomprarlo, costa non meno di 70 €.

Ho deciso quindi di acquistare le batterie (4 €) e lo stagnatore (30 €) e in una decina di minuti ho ripristinato il funzionamento della torcia VIMAR 16450.

Le batterie ricaricabili originali erano delle Ni-Mh da 1,2V e 550mAh mentre quelle che ho acquistato sono delle Ni-Mh da 1,2V con 600 mAh (le potete trovare anche su Amazon).

L’unica cosa a cui prestare attenzione è la polarità delle batterie, quindi segnatevi la posizione prima di sostituirle.

Ho fatto delle foto con il frutto smontato, il circuito (in entrambi i lati) e le batterie utilizzate (quelle verdi); spero che tutto ciò vi sia d’aiuto.

Most recent

Most voted

Comments

  1. Utilissimo, grazie.
    Ho visto le batterie, ma sembra che non abbiano le linguette metalliche laterali che le fissano alla scheda; tu come hai fatto?

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *